I cookies servono a migliorare e ottimizzare l'esperienza offerta all'utente mentre visita questo sito. Proseguendo la navigazione senza modificare le impostazioni del browser, accetti di ricevere tutti i cookies di questo sito.
Come usiamo i cookies?
Centro Olistico Alta Pusteria

Sensibilità chimica multipla (MCS - Multiple Chemical Sensitivity)

Dott. Roberto Slaviero

Grave patologia invalidante

Parliamo di questa patologia correlata all'inquinamento ambientale, che rende la vita delle persone che ne soffrono gravemente compromessa.

Vi è una progressiva intolleranza verso sostanze chimiche, soprattutto volatili, quali profumi, detersivi, cosmetici, disinfettanti, solventi, inchiostri, fumi, tappeti, prodotti plastici, nonchè farmaci, conservanti, aromi e molto altro.

Potremmo dire che si tratta di una ribellione di alcuni organismi verso la nostra società iper industrializzata e tecnologica, dove la natura è stata sottomessa e ferita in nome degli interessi industriali dei fossili, della plastica, degli idrocarburi, dell'energia atomica, del finto benessere, del mangiare spazzatura, etc. e dove l'essere umano e'per lo più trattato come una pecora da tosare, da sfruttare e gettare poi via, un semplice numero, un codice fiscale senza anima, la cui importanza quale essere vivente viene dopo gli interessi della casta.

La sindrome deriva principalmente da un difetto genetico, che in ambienti pero' salubri mai si manifesterebbe provocando reazioni corporee, mentre in ambienti inquinati da fumi, polveri sottili, metalli pesanti, diserbanti e via via discorrendo, si manifesta in modo anche gravissimo, con crisi respiratorie ed altre patologie che mettono a repentaglio la vita. Le crisi si scatenano per contatto, ingestione od inalazione di sostanze di comune uso quotidiano.

Vi è in molti casi anche intolleranza elettromagnetica, isolando cosi ulteriormente dalla società tali persone che non possono usare telefoni, televisioni, radio etc. Probabilmente il sistema immunitario viene altamente compromesso da tali sostanze chimiche non naturali e da onde vibrazionali biologicamente non coerenti, innescando cosi reazioni violente di tipo allergico ed infiammatorio.

Il problema peggiore è che i normali test allergici od immunologici, non danno evidenti risultati ed i pazienti vengono purtroppo scambiati molte volte per malati immaginari o mentali e trattati con psicofarmaci che peggiorano ulteriormente la situazione, poichè spesso il difetto genetico, che si evidenzia con alterazioni proteico-enzimatiche, non tollera tali farmaci.

Oltre al danno la beffa. Tale patologia è in aumento costante e va di pari passo con l'inquinamento ambientale, che oggi in Italia, soprattutto nelle zone più industrializzate o piu'sottoposte ad irrorazione o deposito di sostanze tossiche, sta esplodendo. La patologia è sottovalutata ed in Italia, a differenza di molti altri Stati, non viene riconosciuta come patologia invalidante. In Italia stiamo veramente facendo una fine misera da polli arrostiti, assistiamo inermi ad accordi e legami di interessi tra politica e gruppi di potere;

nel campo della ricerca, che ormai è esigua, molti dei nostri ricercatori sono costretti ad emigrare, ci stiamo isolando dal mondo. Una fine direi tragica per il paese che ha vissuto il Rinascimento; siamo ormai in balia di gruppi bancari e multinazionali, siamo senza sovranità ed i nostri governi sono decisi da gruppi di potere sovranazionali, uno scandalo che purtroppo la maggior parte dei cittadini non vuole comprendere ed accettare.

Prendere coscienza delle situazioni, vuol dire trovare il modo per correggerle, se si continua a fare gli struzzi…..i risultati li vediamo.

Tornando al Mcs, abbiamo la fortuna di avere in Italia il Prof.Genovesi Giuseppe endocrinologo, immunologo e psichiatra a Roma, uno dei migliori specialisti a livello mondiale, che sabato 15 novembre qui a San Candido ha partecipato alla presentazione di un libro di una coraggiosa ragazza bergamasca, Sara Capatti, seguita clinicamente dallo stesso Prof Genovesi, che da tre anni si è trasferita qui, grazie anche all'intervento dell'amministrazione comunale sancandidina, rappresentata in primis per l'occasione dal sindaco Werner Tschurtschenthaler.

Era presente anche la Drssa Angela Barreca, dietologa, che inoltre utilizza una terapia recentissima, la QRS-101, sistema di Biorisonanza Quantron, che riesce ad accelerare l'eliminazione delle sostanze tossiche dal corpo.

Si pensa che in Italia il numero dei soggetti interessati da tale patologia, che viene troppo spesso mal diagnosticata e quindi non riconosciuta da una classe medica, alla quale è stato insegnato di trattare l'organo malato e non di vedere i collegamenti tra corpo, psiche, anima ed ambiente, possa arrivare quasi a 3 milioni.

E'un numero impressionante!!

La cura migliore per ora è andare a vivere in montagna sopra i 1000 metri per evidenti ragioni di purezza ambientale od in ambienti più salubri con aria meno inquinata ed acqua pura, tipo isoletta sperduta!

Poi si possono attivare sistemi di supporto e disintossicazione con nutrienti di origine naturale, che mantengano attive le funzioni epatiche ed intestinali e che eliminino sostanze tossiche, tra le quali anche i metalli pesanti, tipo cadmio, mercurio, bario, alluminio ed altri, di cui il nostro mondo industrializzato ne ha da vendere.

Una strada che probabilmente si potrebbe ricercare per aiutare tali pazienti, credo sia quella della Vit D, che si sta dimostrando sostanza ormonale fondamentale per il riequilibrio del sistema immunitario.

Per questo vi rimando ad un mio articolo sulla Vit D e il suo utilizzo ad altissimi dosaggi per la cura della sclerosi multipla e di molte altre forme autoimmuni. Chiaramente si deve fare ricerca e ci vogliono strutture adatte e sarebbe auspicabile che un giorno presso l'ospedale di San Candido, si allestisse una struttura di ricerca in tal senso.

I danni che stiamo lasciando infliggere e che infliggiamo spesso volontariamente alla natura, superano ormai la peggiore delle previsioni più catastrofiche, e tutto questo in nome di una società consumistica estremizzata che, basata sulla concorrenza e non come dovrebbe sulla collaborazione reciproca, arricchisce sempre di più persone gia'estremamente ricche e sprofonda nella miseria, nello sconforto e nella malattia milioni di persone.

Nel campo chimico-farmaceutico poi gli interessi di parte hanno raggiunto culmini massimi, si è quasi sviluppata, soprattutto in oncologia, una specie di mercato delle vacche, dove i pazienti fruttano giornalmente, principalmente con la chemioterapia, cifre folli.

è uno scandalo di proporzioni bibliche, la classe dirigente non solo non cerca strade di cura alternative e più naturali, stimolando e supportando una ricerca in tal senso, ma osteggia e sbugiarda con controinformazione falsa quelli che curano e si prodigano per i malati in modo diverso dai protocolli decisi dall'alto.

Ma comunque, nonostante la dittatura mediatica della casta, sempre più persone anche nel settore della sanità e cura della persona, stanno impegnandosi per migliorare la vita delle persone senza causarne danni ulteriori.

Non puoi cercare ad esempio di abbassarmi il colesterolo con le statine e farmi venire a lungo andare il diabete, come ormai pare dimostrato!! Il colesterolo lo possiamo abbassare e non esageratamente, poichè è importante per le membrane cellulari ed è struttura fondamentale per la sintesi di sostanze ormonali, con derivati naturali senza subire gli effetti collaterali di molti farmaci.

Una ventina di anni fa i livelli consigliati di colesterolo nel sangue erano più alti di circa il 25% e furono abbassati con l'introduzione in terapia di nuove molecole anti-colesterolo.

Non per pensar male, ma come diceva il nostro politico Andreotti, spesso ci si azzecca. Valutiamo sempre i pro e i contro nelle terapie. Il colesterolo è stato demonizzato, mentre il vero colpevole dei problemi cardiocircolatori dovuti al suo accumolo nelle pareti vasali, non è lui, ma è uno stato infiammatorio vasale che attrae il colesterolo e lo usa come protettivo per l'infiammazione!!

E questo è solo un esempio e molti altri se ne potrebbero fare. Quindi dobbiamo ricercare la causa che provoca l'infiammazione vasale, dobbiamo quindi andare a monte del problema, non a valle! I fiumi si controllano a monte, si incanalano prima che spacchino gli argini a valle, vedi sti giorni di disgrazie idrogeologiche in Italia, sempre dovute ad incuria e ad interessi di parte.

Si guadagna di più per ricostruire, che non per proteggere ed evitare le disgrazie, per questo il mondo è pieno di guerre e conflitti; il ragionamento è sempre lo stesso e vale per tutti i settori. Nella salute bisogna iniziare dalle scuole ad insegnare un'alimentazione sana, fatta magari di frutta ed ortaggi, invece che di hamburger e bevande gasate e patatine fritte, senza comunque demonizzare niente e nessuno, poiche'gli integralismi di pensiero danneggiano sempre tutto e tutti.

Concludo informando che oltre al sopracitato Professore, vi sono varie associazioni amiche e chi ha problemi puo'contattarle, basta cercare in internet. Abitando da sempre in montagna, spero che la disgrazia per molti dia comunque la possibilità a loro di un radicale cambio di vita e di pensiero, come lo è stato per Sara, e che provochi a lungo termine un ripopolamento di tante zone montane, che dal dopoguerra ad oggi hanno vissuto un drastico abbandono, per la ricerca di un lavoro ed una vita più agevole nei centri urbani.

La cose cambiano e la vita in città un tempo molto ambita oggi non è più considerata tale, poichè l'uomo ha distrutto ed inquinato interi territori, invece che preservarli e valorizzarli. Credo che sul pianeta Terra l'homo sapiens sapiens purtroppo, stia dimostrando di essere il peggiore tra le specie viventi e sarebbe bene che uscisse dall'oblio e dal menefreghismo che lo contraddistinguono e riprendesse la giusta strada dell'amore per i propri simili e della collaborazione reciproca.

LIBRO DI SARA
LA RAGAZZA CON GLI OCCHIALI DI LEGNO
Sara Capatti e Patrizia Piolatto
Edizioni Anordest
Dott. Roberto Slaviero
Farmacista di San Candido e ricercatore indipendente.