I cookies servono a migliorare e ottimizzare l'esperienza offerta all'utente mentre visita questo sito. Proseguendo la navigazione senza modificare le impostazioni del browser, accetti di ricevere tutti i cookies di questo sito.
Come usiamo i cookies?
Centro Olistico Alta Pusteria

La misteriosa ghiandola pineale e le sostanze psichedeliche - Parte 1

Dott. Roberto Slaviero

La ghiandola pineale od epifesi, conosciuta ai piu’ per la produzione di melatonina,e’ una piccola ghiandola posta all’ interno del cervello in una posizione unica ed isolata rispetto alle altre strutture cerebrali ,che hanno sempre una controparte di destra e sinistra. IL primo medico a parlarne fu,nel 3.o secolo a.c,al tempo di Alessandro Magno,Erofilo. Il nome deriva dal latino pineus,a forma di pigna ed e’ non piu’ grande di un’ unghia del mignolo.

Posizionata direttamente sopra una delle vie secondarie fondamentali, ove passa il liquido cerebrospinale,liquido salato prodotto dai ventricoli cerebrali,ricco di proteine,che ha il compito di fornire al cervello un cuscinetto protettivo,proteggendolo da colpi improvvisi e trasportando molte sostanze nutritive nel tessuto cerebrale, drenandone i prodotti catabolici.
Nelle sue vicinanze si trovano i collicoli uditivi e visivi,tessuti cerebrali specializzati che trasformano stimoli visivi ed uditivi in percezione di immagini e suoni.

Inoltre e’ circondata dal sistema limbico,composto da una serie di strutture cerebrali antiche,coinvolte nell’ esperienze degli stati d’ animo tipo gioia,rabbia,paura etc, sistema primordiale rettiliano di sopravvivenza.

Il grande filosofo francese del 17.o secolo Rene’ Descartes e’ il primo che parla della pineale quale “ sede dell’ anima”. Negli animali piu’ vecchi dal punto di vista evolutivo,come gli anfibi e lucertole,viene chiamata “ terzo occhio”,possiede infatti una lente posta in superfice direttamente a contatto con la luce,aiutando a regolare la temperatura e la pigmentazione del corpo.

Mano a mano che si sale nella scala evolutiva, la pineale si sposta all’ interno del cervello,sepolta e non piu’ direttamente sensibile alla luce,anche se lo e’ indirettamente in quanto la luce blocca la produzione della melatonina,che viene invece stimolata dal buio.
Ma la cosa piu’ sorprendente di questa ghiandola e’ la sua derivazione embriologica,che non deriva dal tessuto nervoso,bensi’ dal tessuto laringeo,il tessuto attraverso il quale si creano le vibrazioni della parola,la laringe.

Uno dei Vangeli,quello di Giovanni,inizia dicendo “ in principio era il Verbo ( la vibrazione),il Verbo era presso Dio,il Verbo era Dio….” E conclude dicendo “ ed il Verbo si e’ fatto carne “ ! Interessante,non credete! Altra cosa stupefacente e’ che la pineale diventa visibile nello sviluppo del feto al 49.o giorno dopo il concepimento,l’ esatto momento in cui avviene la differenziazione del sesso del nascituro,maschio o femmina. Prima del 49.o giorno il feto e’ indifferenziato sessualmente,poi si identifica.

E al 49.o giorno con tale differenziazione del sesso del feto vi e’ la prima secrezione di una sostanza,la dimetiltriptamina ( DMT),sostanza endogena,ossia prodotta dal nostro corpo,che e’ presente inoltre in molte piante in natura. Tale sostanza ha effetti altamente psichedelici,ovvero una sostanza che causa modificazioni profonde della coscienza,della sensazione dell’ Io e della percezione del mondo circostante.

Nell’ organismo la durata di azione di tale sostanza e’ estremamente breve in quanto viene immediatamte metabolizzata e resa inattiva da particolari enzimi chiamati MAO,chimicamente detti monoamminoossidasi. Credo che sorga spontanea una domanda: perche’ il nostro corpo e la natura producono una sostanza altamente psichedelica e perche’ cio’ avviene nel corpo umano in particolari ed estreme situazioni,soprattutto nella pineale,struttura ghiandolare situata in una zona strategica dal punto di vista percettivo,emozionale e forse spirituale?

Prima di addentrarci in tale mistero,che uno studio sperimentale di un grande ricercatore medico,il Dr.Rick Strassman probabilmente ha contribuito a svelare ( ha svolto una ricerca clinica su pazienti volontari dal 1990 al 95 sulle quale si basano le mie informazioni),parliamo delle sostanze psichedeliche presenti in natura ed i loro derivati. Principalmente vi sono due linee chimicamente differenziate di sostanze con effetto psichedelico,una deriva dall’ amminoacido FENILALANINA e una dall’ amminoacido TRIPTOFANO: dalla Fenilalanina si origina una struttura chimica chiamata FENIL ETIL AMINA da cui derivano
-il Trimetossi ß feniletilamna o MESCALINA
- il Metilendiossimetanfetamina (MDMA) meglio nota come ECSTASY

La Mescalina si trova nel cactus Peyote,originario del sud-ovest americano e nel Messico. L’ Ecstasy venne sintetizzato nel 1912 nei laboratori chimici Merck e venne utilizzata principalmente dai tedeschi per i loro soldati nella prima guerra mondiale.
Oggi come molti sanno, viene usata soprattutto dai giovani nelle Disco per “ sballarsi”. Dal Triptofano si origina una struttura chimica indolica chiamata TRIPTAMINA: dalla Triptamina l’organismo produce la IDROSSI-TRIPTAMINA, meglio nota come SEROTONINA, uno dei piu’ importanti mediatori chimici presenti nel nostro corpo ed altamente attiva sui tessuti cerebrali.

Triptamina e Serotonina non possiedono attivita’ psichedeliche. Ma aggiungendo semplicemente due gruppi metilici (CH3) alla triptamina (e questo viene fatto nell’ organismo da enzimi chiamati Metiltransferasi ) si ottiene la Dimetilitriptamina o DMT,potentissimo agente psichedelico.

Altra struttura indol-triptaminica,si ritrova nella famosa LSD ovvero la Dietilamide dell’ acido lisergico,prodotto di sintesi ottenuto casualmente dal Dr. Hoffman nel 1938 nei laboratori Sandoz di Basilea. Stava lavorando sui prodotti derivati dall’ Ergot, un fungo parassita della segala,che in un lontano passato causo’ gravi epidemie in centro Europa con una patologia che portava a morte per gangrena. Lui stava cercando infatti prodotti per contrastare l’ ergotismo, nota come febbre del pellegrino, che causa gravi dolori e problemi circolatori alle gambe e deliri allucinatori e in un passaggio di sintesi chimica,si ruppe la provetta ed egli inalo’ inavvertitamente la sostanza intermedia della sintesi che stava svolgendo. Descrisse poi gli effetti psichedelici causati da tale sostanza, il destino volle, forse, creare la LSD!

Altra sostanza con struttura indol-triptaminica altamente psichedelica e’ la PSILOCIBINA o Fosforil idrossi metiltriptamina,presente in natura in alcuni funghi. La PSILOCINA e’ un suo metabolita, anch’esso altamente psichedelico,chimicamente e’ una Idrossi dimetil triptamina.

Vi e’ poi la IBOGAINA, psichedelico presente in alcune piante africane,usato per la terapia antidipendenze di droghe tipo eroina,in quanto provoca in poche ore la fine della crisi di astinenza da tali droghe. Quindi pur avendo effetti psichedelici,blocca gli effetti devastanti dei derivati oppiacei ! un mistero in piu’ nei misteri della natura. Infine vi e’ il 5-meo-dmt o 5 metossi dimetiltriptamina,presente anch’ essa in varie piante,funghi ed animali. La durata di azione di tali sostanze e’ variabile: si va, dopo un inizio dell effetto di circa mezz ora dall’ assunzione , ad effetti che durano per la Lsd e Mescalina fino a 12 ore,per la Ibogaina fino a 24 ore,per la Psilocibina fino a 6 ore !

Unica nel suo effetto e’ la DMT,che se inalata od iniettata endovena produce effetti immediati dopo pochi secondi ed una durata di azione limitatissima,pochi minuti. Per renderci conto della potenza “ eroica” di tali sostanze, parliamo di dosaggi per la DMT di 0,3-0,4 milligrammi per peso di Kg corporeo,quindi per una persona di 70 kg ,di una dose altamente attiva di 21 o 28 milligrammi.
Pensata ad un grammo cos’ e’ e dividete per 1000!

Anche il piccolo Davide,nella storia antica, ha stroncato il gigante Golia! La natura ci insegna molte cose….. Nel prossimo capitolo ci addentreremo nello studio,che il Dr Rick Strassman ha compiuto,sugli effetti prodotti dalla DMT sui volontari.

FINE PARTE PRIMA
Dott. Roberto Slaviero
Farmacista di San Candido e ricercatore indipendente.